Grande Guerra: Censimento e catalogazione dei monumenti ai caduti della Grande Guerra, lapidi, viali e parchi della rimembranza

L’ICCD ha avviato con il supporto delle soprintendenze statali un nuovo progetto di ricerca dedicato ai Parchi e Viali della Rimembranza denominato “Censimento e catalogazione dei monumenti ai caduti della Grande Guerra, lapidi, viali e parchi della rimembranza”, finanziato con decreto del Segretario Generale del MiBACT (del 03/03/2016).

Parchi e Viali della Rimembranza appartengono al patrimonio riconosciuto dei “pubblici monumenti” (articolo unico della legge 559/1926) e furono promossi e realizzati per volontà del sottosegretario alla Pubblica Istruzione Dario Lupi che, il 27 dicembre 1922, inviò a tutti i provveditori agli studi una circolare con cui prevedeva che per ogni caduto della Grande guerra dovesse essere piantato un albero in tutte le città, paese, borgata in modo che i giovani fossero educati al ricordo e al rispetto dei caduti. 

Dei 2.000 parchi stimati sul territorio nazionale, molti sono stati distrutti, trasformati e se ne è persa memoria. L’indagine storica e archivistica, il censimento e la catalogazione che con questo progetto si intendono realizzare, si propongono di definirne l’entità e la qualità, estendendo a questi luoghi della memoria quanto finora realizzato per i monumenti e le lapidi commemorative. 

Con la partecipazione attiva delle soprintendenze statali, ICCD ha già messo a punto un primo quadro conoscitivo di 1.077 beni fra parchi/viali della Rimembranza, lapidi e monumenti della Grande Guerra distribuiti sul territorio nazionale (con la sola esclusione di Sicilia, Valle d’Aosta e Province autonome di Trento e Bolzano); e di questi, 965 sono i parchi e i viali che saranno oggetto di approfondimento conoscitivo, sia documentale che catalografico. 

Il valore storico identitario e il forte messaggio educativo rivolto alle giovani generazioni, sono valorizzati grazie anche alla collaborazione di APGI (Associazione Parchi e Giardini d’Italia) che sarà impegnata con ICCD nella realizzazione di iniziative di approfondimento tematico da divulgare attraverso il web e di educazione rivolte alle scuole, anche attraverso specifici strumenti che rendano espliciti i significati dei Parchi e Viali della Rimembranza.

Il progetto si chiuderà entro il 2018 a compimento delle celebrazioni del Centenario della Prima Guerra mondiale con un convegno scientifico dedicato al confronto tra studiosi di varie discipline che delineeranno la complessità dei Parchi della Rimembranza e i significati emersi dalla ricerca. Il convegno, curato da ICCD e APGI, affronterà anche i temi della tutela, del recupero della memoria e dei concreti modelli di gestione e di valorizzazione di questo patrimonio.

Con questo progetto ICCD intende dare continuità alle iniziative già realizzate (progetto Grande Guerra “censimento dei monumenti ai caduti della prima guerra mondiale”) che hanno prodotto risultati in termini di conoscenza, tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale nazionale della Prima Guerra Mondiale. 

Visita la pagina dedicata al Progetto Grande Guerra censimento dei monumenti ai caduti della prima guerra mondiale.

Scarica i documenti 

Circolari di Dario Lupi estratti dal testo "Parchi e viali della Rimembranza, Firenze 1923"
Lettera circolare ai regi provveditori agli studi, 27 dicembre 1922
Circolare n. 73 Norme per i viali e i parchi della ribembranza
Elenco dei comuni che hanno inaugurato i parchi o viali della rimembranza fino a tutto il 15 ottobre 1923

Parchi e viali della Rimembranza nella collezione Ferro Candilera in Archivio Fotografico on line.

Vedi anche: Progetto Grande guerra: Censimento dei monumenti ai Caduti della prima guerra mondiale

Referente: Elena Plances