Nasce la Digital Library della cultura italiana

15/03/2017

La disponibilità online di risorse digitali relative al patrimonio culturale è un fatto consolidato; meno valorizzati sono il lavoro, le competenze e le risorse necessarie per rendere accessibili e riusabili la quantità di informazioni e contenuti che rappresentano tale patrimonio.

La Digital Library della cultura italiana è quindi, prima di tutto, un ecosistema digitale, inteso come l'insieme di regole e convenzioni, competenze e professialità, infrastrutture e sistemi tecnonologici. Si costituisce per convogliare le risorse digitali esistenti e quelle che si realizzano giorno dopo giorno, regolamentandone l’uso.

Un acquedotto digitale, dunque, dove riunire le diverse fonti che alimentano il web, attraverso cui qualsiasi utente (sia esso privato, istituzionale o impresa) possa fruire e riusare dati e risorse digitali del patrimonio culturale per qualsiasi scopo (accademico, scientifico, commerciale, turistico).

ICCD, in forza del decreto ministeriale del 23 gennaio 2017, sarà dotato del nuovo Servizio per la digitalizzazione del patrimonio culturale - Digital Library con compiti di coordinamento dei programmi di digitalizzazione del patrimonio culturale e di elaborazione del piano nazionale di digitalizzazione, di cui curerà l’attuazione in collaborazione con gli altri istituti del MiBACT e in sinergia con enti pubblici e privati.

Leggi il comunicato stampa del MiBACT

Decreto Ministeriale 23 gennaio 2017

Ordinamento ICCD